Territorio e SostenibilitàSostenibilità

È questo il settimo anno di pubblicazione del Bilancio di Sostenibilità di AdF.

Si tratta di una edizione di particolare rilievo rispetto al passato in quanto con il 2015 si entra nella seconda metà della concessione del Servizio Idrico Integrato nelle province di Grosseto e Siena, quella della restituzione del debito, dell’efficientamento operativo e della sostenibilità della tariffa.

Negli anni trascorsi, nonostante una contingenza non sempre favorevole, il Fiora ha continuato ad accrescere e consolidare la propria organizzazione, a sviluppare le conoscenze e le competenze dei suoi dipendenti e a promuovere la diffusione e la valorizzazione di comportamenti sostenibili e socialmente responsabili. Parallelamente è anche cresciuta la consapevolezza che Acquedotto del Fiora esercita sul territorio non solo il ruolo relativo alla “mission aziendale” - erogare un servizio sempre migliore, realizzare infrastrutture idriche all’avanguardia e tutelare le aspettative dei propri Soci e dei cittadini serviti - ma anche quello di soggetto sociale oltreché economico. Tutto questo grazie alla capacità del Fiora di fare impresa e, allo stesso tempo, di farla in modo etico efficiente e sostenibile.

Anche per Acquedotto del Fiora, come per gli altri Gestori italiani del Sistema Idrico Integrato, nel 2015 sono venute meno le incertezze normative con l’approvazione del nuovo sistema tariffario (Metodo Tariffario Idrico-2) deliberato dall’Autorità nazionale (AEEGSI). Il nuovo MTI2 garantisce la finanziabilità di piano d'ambito e promuove l’efficienza delle Aziende del SII, anche se tramite criteri e parametri che penalizzano i gestori di ambiti a bassa densità di popolazione come il nostro.

Il 2015 ci consegna le seguenti priorità:

  • L’impegno a garantire la realizzazione dei circa 250 mln € di investimenti previsti entro il 2026;
  • La restituzione del debito acquisito per realizzare i necessari investimenti infrastrutturali (380 mil € dal 2002 al 2015);
  • Il contenimento dell’incremento della tariffa, sospinta in alto dalla mole d’investimenti necessari per adeguare le infrastrutture agli standard europei e garantire un servizio di qualità alle comunità gestite;
  • La massimizzazione dell’efficienza operativa nonostante l’ampiezza del territorio gestito e la bassa densità di popolazione;
  • La necessità di modificare i criteri previsti nel nuovo metodo tariffario per misurare l’efficienza del gestore proponendo di affiancare alla misura dei costi per utente anche una misura dei costi riferiti alla quantità e dimensione delle infrastrutture gestite.

Siamo ben consapevoli di operare in un settore sensibile e conosciamo i molteplici rischi insiti nelle scelte sia di tipo gestionale che strategico, ma proprio in ragione di questi fattori il nostro obiettivo è rivolto non solo a preservare il valore economico e patrimoniale d’impresa ma anche, e soprattutto, alla cura del cliente, all’etica e alla sicurezza ambientale, al rispetto del territorio che ci circonda, alla salvaguardia dell’occupazione, alla qualità del servizio, all’immagine e alla reputazione dell’Azienda, titolata a gestire un servizio pubblico attraverso un rapporto virtuoso con la collettività.

Nel suo operare Acquedotto del Fiora vuole riaffermare e valorizzare la propria cittadinanza d’impresa proponendosi come attore positivo di un connubio tra competitività e sviluppo delle comunità e dell’ambiente, creando un rapporto di interscambio con i territori di insediamento e cercando di trasmettere la propria cultura in un’ottica di condivisione delle esperienze e delle competenze.

Il Bilancio di Sostenibilità del Fiora ci spinge anche a riflettere sui progressi effettuati e sulle iniziative e i progetti di miglioramento verso i quali siamo orientati, attraverso uno sviluppo responsabile della nostra attività, nel rispetto di ciò che ci circonda, per consegnare alle generazioni future un ambiente e dei servizi migliori di quelli oggi disponibili.

 

 

             L’Amministratore Delegato                                                               Il Presidente

                   Aldo Stracqualursi                                                                         Tiberio Tiberi

 

È questo il settimo anno di pubblicazione del Bilancio di Sostenibilità di AdF.

Si tratta di una edizione di particolare rilievo rispetto al passato in quanto con il 2015 si entra nella seconda metà della concessione del Servizio Idrico Integrato nelle province di Grosseto e Siena, quella della restituzione del debito, dell’efficientamento operativo e della sostenibilità della tariffa.

Negli anni trascorsi, nonostante una contingenza non sempre favorevole, il Fiora ha continuato ad accrescere e consolidare la propria organizzazione, a sviluppare le conoscenze e le competenze dei suoi dipendenti e a promuovere la diffusione e la valorizzazione di comportamenti sostenibili e socialmente responsabili. Parallelamente è anche cresciuta la consapevolezza che Acquedotto del Fiora esercita sul territorio non solo il ruolo relativo alla “mission aziendale” - erogare un servizio sempre migliore, realizzare infrastrutture idriche all’avanguardia e tutelare le aspettative dei propri Soci e dei cittadini serviti - ma anche quello di soggetto sociale oltreché economico. Tutto questo grazie alla capacità del Fiora di fare impresa e, allo stesso tempo, di farla in modo etico efficiente e sostenibile.

Anche per Acquedotto del Fiora, come per gli altri Gestori italiani del Sistema Idrico Integrato, nel 2015 sono venute meno le incertezze normative con l’approvazione del nuovo sistema tariffario (Metodo Tariffario Idrico-2) deliberato dall’Autorità nazionale (AEEGSI). Il nuovo MTI2 garantisce la finanziabilità di piano d'ambito e promuove l’efficienza delle Aziende del SII, anche se tramite criteri e parametri che penalizzano i gestori di ambiti a bassa densità di popolazione come il nostro.

Il 2015 ci consegna le seguenti priorità:

  • L’impegno a garantire la realizzazione dei circa 250 mln € di investimenti previsti entro il 2026;
  • La restituzione del debito acquisito per realizzare i necessari investimenti infrastrutturali (380 mil € dal 2002 al 2015);
  • Il contenimento dell’incremento della tariffa, sospinta in alto dalla mole d’investimenti necessari per adeguare le infrastrutture agli standard europei e garantire un servizio di qualità alle comunità gestite;
  • La massimizzazione dell’efficienza operativa nonostante l’ampiezza del territorio gestito e la bassa densità di popolazione;
  • La necessità di modificare i criteri previsti nel nuovo metodo tariffario per misurare l’efficienza del gestore proponendo di affiancare alla misura dei costi per utente anche una misura dei costi riferiti alla quantità e dimensione delle infrastrutture gestite.

Siamo ben consapevoli di operare in un settore sensibile e conosciamo i molteplici rischi insiti nelle scelte sia di tipo gestionale che strategico, ma proprio in ragione di questi fattori il nostro obiettivo è rivolto non solo a preservare il valore economico e patrimoniale d’impresa ma anche, e soprattutto, alla cura del cliente, all’etica e alla sicurezza ambientale, al rispetto del territorio che ci circonda, alla salvaguardia dell’occupazione, alla qualità del servizio, all’immagine e alla reputazione dell’Azienda, titolata a gestire un servizio pubblico attraverso un rapporto virtuoso con la collettività.

Nel suo operare Acquedotto del Fiora vuole riaffermare e valorizzare la propria cittadinanza d’impresa proponendosi come attore positivo di un connubio tra competitività e sviluppo delle comunità e dell’ambiente, creando un rapporto di interscambio con i territori di insediamento e cercando di trasmettere la propria cultura in un’ottica di condivisione delle esperienze e delle competenze.

Il Bilancio di Sostenibilità del Fiora ci spinge anche a riflettere sui progressi effettuati e sulle iniziative e i progetti di miglioramento verso i quali siamo orientati, attraverso uno sviluppo responsabile della nostra attività, nel rispetto di ciò che ci circonda, per consegnare alle generazioni future un ambiente e dei servizi migliori di quelli oggi disponibili.

L’Amministratore Delegato Il Presidente

Aldo Stracqualursi Tiberio Tiberi

SEGNALAZIONE GUASTI
tutti i giorni 24h/24h

800.35.69.35
gratuito da telefono fisso e cellulare

SUPPORTO SERVIZI ONLINE
operatori telefonici dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 19.00
ed il sabato dalle 8.00 alle 13.00
non attivo nei giorni festivi

800.13.33.28
gratuito da telefono fisso e cellulare

RICHIESTE COMMERCIALI
operatori telefonici dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 18.00

800.88.77.55
gratuito da telefono fisso
199.11.44.07
da cellulare - servizio a pagamento

clicca qui per vedere
tutti gli orari
degli sportelli fiora

  • 26/06/2017
    Siccità, un uso corretto e consapevole dell’acqua per ridurre al minimo gli sprechi

    Un uso corretto e consapevole dell’acqua per ridurre al minimo gli sprechi. Data la perdurante siccità che sta interessando tutto il territorio nazionale e la conseguente attenzione allo stato delle fonti di approvvigionamento idrico, Acquedotto dle Fiora invita tutti i cittadini a mettere.... leggi tutto
  • 04/07/2017
    Intervento di manutenzione programmata nel comune di Grosseto

    Intervento di manutenzione programmata nel comune di Grosseto. Martedì 4 luglio dalle 7 alle 17 i tecnici di Acquedotto del Fiora saranno al lavoro per mettere in esercizio una nuova condotta presso il serbatoio di Montorsoli, determinando temporanee sospensioni dell'erogazione idrica e bassa.... leggi tutto